Pensieri

Il sapore del mattino

Questa mattina mi sono svegliato alle 4.40, avevo sete, faceva caldo. Mi sono alzato a bere e nel frattempo ho aperto la finestra. Sorseggiavo l’acqua assaporandone la freschezza. Il cielo della notte cominciava a dar spazio alle tinte del giorno, l’aria era fresca, profumata.
Mi sono attardato nel letto per altri 20 minuti, poi ho deciso che dovevo uscire.
Ho indossato la mia tenuta da runner e mi sono buttato per le via della città che ancora dormiva.
Ho attraversato le vie del centro, alcuni bar cominciavano a sistemare sedie e tavolini sotto i portici, il profumo delle brioches calde si diffondeva nell’aria.
15 minuti e le case e i palazzi sono alle mie spalle, inizia la campagna, le abitazioni sono più rade, ci sono i campi, ci sono i filari delle vigne, ci sono le lepri, si respira il profumo del mattino e poi, all’improvviso sull’orizzonte, enorme, appare il sole. Lo so, sorge tutte le mattine, ci accompagna per tutto il giorno, ma riusciamo mai realmente a vederlo e a sentirlo? L’ho fissato per minuti lunghissimi, ho aperto il palmo delle mani, ho iniziato a respirare lentamente e profondamente (comapatibilmente con il ritmo della corsa) e, non so se è stata suggestione, oppure è merito di una mia maggior consapevolezza acquisita con lo yoga, ma ho raccolto quello che viene chiamato Prana, il soffio vitale, l’energia. Mi sono sentito come percorso da un vento fresco che ha attraversato tutto il mio corpo, mi sono sentito bene come non mi capitava da tempo.
Sono tornato a casa dopo aver percorso 14km, il rientro in città è stato meno silenzioso rispetto alla partenza, il mondo cominciava a muoversi ma io ho avuto al fortuna di catturare un frammento di pace.
Oggi sarà una bella giornata !

Al confine tra notte e giorno
si respira il sapore
del mattino

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: