Pensieri

Naufraghi

L’ho scritto tempo fa su Facebook ma oggi l’ho riletto e mi andava di pubblicarlo anche qui.

“Non vi capita mai di sentirvi come naufraghi? Sarà perchè ieri ho rivisto alcune scene di Cast Away, ma oggi (o meglio da un pò di tempo a questa parte) mi sembra di trovarmi sperduto su un’isola deserta, in mezzo ad un’oceano, forse anche in una sorta di paradiso terrestre che però non riesco ad apprezzare appieno.
Mi immagino seduto sulla spiaggia, ho appena visto il sole salutarmi all’orizzonte.
Mi sono goduto tutte le sfumature di colori che il cielo assume man mano che il sole scende, ma poi arriva il buio e ti ritrovi lì, immerso nelle tenebre – più o meno oscure – sfidate dalla luce di qualche stella lontana.
Vi siete mai trovati da soli su una spiaggia di notte? Subito mi vengono in mente le vacanze del periodo universitario. Una volta mi sono allontanato dagli amici e mi sono sdraiato sulla sabbia a guardare le stelle. Sono rimasto lì per quasi un’ora a sognare il futuro, esprimendo i miei desideri alla vista delle stelle cadenti.
Un’altra volta – completamente ubriaco – mi sono messo a suonare sulla battigia (già perchè il bello del chitarrista da falò è che rimane da solo quando tutti gli altri si sonoappartati….), e ad essere sinceri non ricordo cosa suonassi, so che in quel momento tutto mi girava intorno, poi il nulla, fino al mattino dopo. Sembrava tutto più facile, allora…
Oggi mi vedo un pò diverso – più vecchio? più maturo? – di sicuro ho visto il tramonto e rimango in attesa di un’alba che si fa desiderare. Il buio mi fa riflettere, mi fa pensare, sognare – e come vorrei che la forza dei sogni fosse più grande di me! -, mi fa vedere il (pro)fondo dell’anima.
A volte ci si sente davvero come naufraghi, in attesa di qualcuno o qualcosa che ci porti via da quell’isola deserta, si attende una luce speciale nell’alba che verrà, una luce che ci dia la forza di lanciarsi nel mare per raggiungere ciò che veramente vogliamo.
Come ha detto qualcuno, non esiste notte tanto lunga da impedire al sole di sorgere e so che la mia alba arriverà (presto o tardi) ed allora – ca°°o! – mi lancerò in mare con la mia zattera e da qualche parte di sicurò arriverò.
E sarà una vittoria !”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: