Yoga

Roma Yoga Festival 2010

Lo scorso fine settimana ho partecipato al Roma Yoga Festival, tre giorni dedicati allo yoga nel parco Villa Doria Pamphili, con insegnanti di altissimo livello provenienti da tutto il mondo.
E’ stata una grande esperienza, ho avuto modo di provare l’Ashtanga Yoga con Tina Pizzimanti, l’Anusara Yoga con Mark Holtzman e il Jivamukti Yoga con Stewart Glichrist.
Quest’ultima è stata l’esperienza più intensa in termini di energia. Due ore di sequenza no stop dove hai modo di confrontarti con te stesso, di ascoltarti, di capire i tuoi limiti e cercare di andare oltre. Praticando yoga si impara a respirare, si genera energia dentro e fuori di sè, non si tratta della mera esecuzione delle varie posizioni (asana), lo scopo non è apparire belli con una perfetta esecuzione, lo scopo è sentire la posizione, sentire il proprio corpo che si plasma e si trasforma in quella posizione raggiungendo uno stato di benessere fisico ed interiore. Ed è quando ti senti un tutt’uno con il tuo respiro che raggiungi quello stato di pace sentendoti in armonia con tutto.
Come recita un aforisma sufi:

Sii presente a ogni respiro. Non fare che la tua attenzione vaghi per la durata di un solo respiro. Ricordati di te stesso sempre e in ogni situazione.

Namaste.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: